mercoledì 8 marzo 2017

[Cover Reveal] Il prezzo delle ali, Palma Gallana



In occasione della Festa della Donna, Palma Gallana esce in libreria con il suo primo romanzo, Il prezzo delle ali, edito La Ruota Edizioni.




TItolo: Il prezzo delle ali
Autrice: Palma Gallana
Editore: La Ruota Edizioni
Data di pubblicazione: 8 marzo 2017
Collana: Nuvole
Progetto grafico: Paola Catozza
Immagine di copertina: Stefano Vavassori
Pagine: 110
Prezzo: 10,00 €
Link Amazon: http://amzn.to/2mhhrj5


Il riscatto di una donna, Ilaria B., da una storia di "non amore" fatta soprattutto di violenza, tradimenti e bugie. Un percorso di crescita e consapevolezza che la porterà a ribellarsi, ad affrancarsi da quel legame malato e a proteggere se stessa e le sue due figlie. Un racconto di lacrime, forza e di liberazione. In un momento in cui la violenza sulle donne è un tema sempre più ricorrente, un racconto come quello racchiuso ne Il prezzo delle ali può aiutare a far aprire gli occhi e a trovare il coraggio.

Palma Gallana è nata a Vigevano 47 anni fa. Dopo la maturità linguistica prosegue gli studi nell'ambito delle lingue straniere per poi laurearsi in Lingue e letterature straniere moderne all'Università Cattolica del Sacro cuore di Milano. Da quel momento in poi inizia la sua collaborazione con la casa editrice A. Vallardi, per la quale pubblica dizionari e manuali per lo studio della lingua russa, oltre a curare la redazione di diverse pubblicazioni in varie lingue. Ha collaborato con case editrici straniere (a Mosca con la Russkij Jazyk Medija e in Israele con la KDictionaries). In contemporanea lavora come assistente amministrativo presso un ente sanitario, oltre a svolgere il ruolo di mamma dei suoi due figli.
Il prezzo delle ali è il suo primo romanzo, nato dalla sua profonda intolleranza verso ogni forma di ingiustizia esercitata contro qualunque essere vivente.


LEGGI L'ESTRATTO

Tutto ha un prezzo. Più o meno caro. Quello che ho pagato io è stato molto caro.
Non avrei mai immaginato di ritrovarmi a quarant’anni, io, donna determinata, intransigente, con le idee ben chiare, ad accettare un compromesso così pesante. Eppure, ci si deve trovare in certe situazioni per poter giudicare, lo devo dire al Giudice.
L’udienza è stata fissata e adesso so in che giorno lo dovrò affrontare in Tribunale.
E la mia testa gira vorticosamente, i pensieri sfilano sul nastro della memoria che si riavvolge e riproietta maniacalmente immagini, persone, eventi, in un continuo rewind-play.
Ho bisogno di parlare, lo devo dire al Giudice quello che ho passato, glielo devo spiegare bene, ho tutto qui nella testa: date, luoghi, fatti, parole. Dalla prima all’ultima.
Per cinque anni ho cercato di non vedere, di far finta di niente, di dimenticare, ma adesso, per ironia della sorte, nemmeno se mi sforzo riesco a togliermi dalla testa tutto quello che è stato. Non voglio dimenticare, non prima di averlo detto al Giudice, ai testimoni, all’imputato, al mondo! Perché si deve sapere che cos’è il maltrattamento in famiglia, quanto fa male, quanto uccide dentro.





1 commento:

  1. Un libro intenso, duro ma che racconta una storia che potrebbe colpire noi tutte. Scrittura lodevole, scorrevole, ottimo libro

    RispondiElimina

Mi fa sempre piacere sapere che siete passati di qui, con un piccolo commento o un semplice saluto.